• Accueil
  • > Recherche : giacinta marto

Résultats de votre recherche

10 frasi di giovani santi per una santità senza età

Posté par atempodiblog le 16 septembre 2015

10 frasi di giovani santi per una santità senza età
Perché non si tratta di un ideale bello e nobile, riservato solo a pochi “eletti”
di Rafael Pérez del Solar
Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti
Tratto da: Aleteia

papa francesco giovani

Quando ero bambino, mia nonna aveva la sana abitudine di portarmi sempre alla Messa domenicale. Devo riconoscere che all’epoca non capivo cosa accadeva nell’Eucaristia e mi annoiavo abbastanza. Per questo, ho preso l’abitudine (per intrattenermi) di osservare le grandi immagini di legno o di gesso collocate ai lati dell’altare o nelle navate laterali della chiesa. Raffiguravano tutte persone che indossavano un abito: sacerdoti, suore e religiosi, dal volto serio e allo stesso tempo mistico.

In questo modo, mi sono fatto un’idea di quello che era la santità: un ideale molto bello e nobile, ma riservato ad alcuni “eletti” e che implicava il fatto di essere come minimo sacerdote o monaco.

Alla fine dell’adolescenza, tuttavia, ho conosciuto maggiormente Dio e ho scoperto a poco a poco la ricchezza della Chiesa, la sua varietà di carismi e l’immensa diversità dei santi che esistevano nel pianeta. Le loro testimonianze hanno acceso in me l’ideale che il cambiamento del mondo passi per la santità di ciascuno e per la testimonianza dell’Amore di Cristo.

Papa Francesco ci spiega il significato della santità:

“La santità non è una prerogativa soltanto di alcuni: la santità è un dono che viene offerto a tutti, nessuno escluso, per cui costituisce il carattere distintivo di ogni cristiano… Qualcuno pensa che la santità è chiudere gli occhi e fare la faccia da immaginetta. No! Non è questo la santità! La santità è qualcosa di più grande, di più profondo che ci dà Dio. Anzi, è proprio vivendo con amore e offrendo la propria testimonianza cristiana nelle occupazioni di ogni giorno che siamo chiamati a diventare santi. E ciascuno nelle condizioni e nello stato di vita in cui si trova”.

Quanto è importante ricordare e curare questo dono di Dio, quel fuoco iniziale di chi incontra Dio fin da giovane! Sono i cuori giovani che portano con sé ogni entusiasmo e ogni forza per lottare per gli ideali che il Signore ha seminato nei nostri cuori.

Pier Giorgio Frassati, Chiara Luce Badano, Nennolina, Maria Goretti, Domenico Savio, Teresina di Lisieux, Giacinta e Francesco Marto, Laurita Vicuña, Santa Agnese e la Beata Imelda (e tanti altri giovani santi!), ciascuno di loro, in base al proprio stato di vita e alla propria età e consapevole delle proprie fragilità, è stato un giovane con un grandissimo amore per Dio, assolutamente convinto che l’Amore per Gesù e per gli altri sia ciò che cambia davvero i cuori e il mondo.

Ecco una piccola rassegna che ci può spingere a conoscere la loro vita e il loro esempio.

venerabile meo

Nennolina era una bambina che andava a scuola e scriveva lettere a Gesù che dettava alla sua mamma. È tornata alla casa del Padre dopo una grave malattia ad appena 7 anni.

san domenico savio

Domenico era chierichetto della Messa domenicale alla quale assisteva, ha fatto parte dell’Oratorio di Don Bosco e ha imparato fin da piccolo a compiere sacrifici alla Vergine e a vivere l’austerità. È tornato alla casa del Padre a 14 anni.

beato frassati

Pier Giorgio era un giovane laico di spiritualità domenicana che aiutava i bisognosi e faceva alpinismo con i suoi amici. È tornato alla casa del Padre a 24 anni.

beata chiara luce

Chiara “Luce” è stata una ragazza del Movimento dei Focolari che giocava a tennis, faceva escursioni e praticava il nuoto. È tornata alla casa del Padre a 18 anni dopo un cancro alle ossa e offrendo a Gesù la sua malattia.

imelda lambertini

Imelda Lambertini è stata una giovane religiosa domenicana del XIV secolo, entrata in convento da bambina e tornata alla casa del Padre dopo aver ricevuto la Prima Comunione a 13 anni.

sant'agnese

Sant’Agnese era una ragazza molto bella che ha deciso di offrire la propria vita e la propria verginità a Dio. Nel corso della persecuzione del V secolo, venne condannata a morte quando si scoprì che era cristiana.

beata laura

Laurita Vicuña frequentava una scuola salesiana e ha offerto la sua vita a Dio per la conversione della madre, che viveva in una condizione di peccato. È tornata alla casa del Padre a 12 anni dopo aver ascoltato il pentimento della madre.

beata giacinta

Giacinta e Francesco sono stati due dei piccoli testimoni delle apparizioni della Madonna a Fatima. Sono tornati alla casa del Padre rispettivamente a 9 e 10 anni.

santa teresina

Teresina era una giovane monaca carmelitana che dall’età di 14 anni ha imparato a offrire preghiere per i peccatori. L’anno successivo è entrata nella vita religiosa, scrivendo poi la Storia di un’anima. È tornata alla casa del Padre a 24 anni.

santa goretti

Maria Goretti era una giovane laica che ha subito il martirio per difendere la sua purezza, perdonando il suo assassino prima di morire, a 11 anni.

Publié dans Beata Chiara Luce Badano, Beata Imelda Lambertini, Beato Pier Giorgio Frassati, Citazioni, frasi e pensieri, Fede, morale e teologia, Papa Francesco I, Riflessioni, San Domenico Savio, Santa Maria Goretti, Santa Teresa di Lisieux, Stile di vita | Pas de Commentaires »

I pastorelli di Fatima

Posté par atempodiblog le 21 février 2013

I pastorelli di Fatima dans Articoli di Giornali e News pastorellidifatima

Uno dei divertimenti preferiti da Francesco, Giacinta e Lucia era quello di gridare ad alta voce, dall’alto dei monti, seduti sulla roccia. Il nome che più echeggiava era quello della Madonna. A volte Giacinta, «quella a cui la Vergine Santissima ha comunicato maggior abbondanza di grazie e maggior conoscenza di Dio e della virtù», come scriverà Suor Lucia, recitava tutta l’Ave Maria, pronunciando la parola seguente soltanto quando l’eco riproduceva per intero quella precedente. Tale innocentissima preghiera di bambina, quasi surreale, dove il soprannaturale si sovrapponeva al naturale, doveva essere di sublime bellezza. Ebbene, la Madonna scelse proprio lei, suo fratello e la cugina per rivelare a Fatima, nel 1917, i rimedi che l’umanità e la Chiesa avrebbero dovuto prendere per combattere errori e guerre: la recita del Santo Rosario, la lotta contro il peccato, la consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria per arrestare l’ideologia comunista.

Il 12 settembre 1935 le spoglie di Giacinta furono trasportate da Vila Nova de Ourém a Fatima. Quando la bara fu aperta si attestò che il volto della piccola veggente era incorrotto. Venne scattata una fotografia e il Vescovo di Leiria, Monsignor José Alves Correia da Silva (1872-1957) ne inviò una copia a suor Lucia che, nei ringraziamenti, accennò alle virtù della cugina. Tale fatto indusse il Monsignore ad ordinare alla monaca di scrivere tutto ciò che sapeva della vita di Giacinta, ecco che nacque la Prima Memoria, che l’autrice terminò nel Natale dello stesso 1935.

Trascorsero due anni dalla Prima Memoria e il Vescovo di Leiria ordinò a Suor Lucia di scrivere, in tutta verità, la sua vita e le apparizioni mariane, così come erano avvenute. Suor Lucia obbedì, scrivendo la Seconda Memoria dal 7 al 21 novembre 1937.

In una lettera del 31 agosto 1941, indirizzata a padre Giuseppe Bernardo Gonçalves Sj, Lucia spiega come nacque la Terza Memoria: «Mons. Vescovo… mi ordinò di ricordare qualsiasi altra cosa che avesse relazione con Giacinta, per una nuova edizione che vogliono stampare. Quest’ordine mi penetrò nell’anima come un raggio di luce …». Fu proprio con questo scritto che Fatima raggiunse dimensioni internazionali. Sorpresi dai racconti della Terza Memoria, Monsignor Giuseppe Alves Correia da Silva e don Galamba conclusero che Lucia, nelle relazioni anteriori, non aveva detto tutto e che nascondeva ancora degli elementi. Dunque, il 7 ottobre 1941, la monaca riceve il nuovo ordine di scrivere qualsiasi altra cosa che avesse potuto emergere dagli accadimenti di Fatima. Fu così che l’8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, dello stesso anno, l’autrice consegnò il manoscritto affermando: «Fin qui, ho fatto il possibile per nascondere quel che le apparizioni della Madonna nella Cova d’Iria avevano di più intimo. Ogni volta che mi vidi obbligata a parlare, cercai di accennarvi di sfuggita, per non  scoprire quello che tanto desideravo tener in serbo. Ma ora, che l’obbedienza mi comandò, ho detto tutto! E io rimango come lo scheletro, spogliato di tutto e perfino della vita stessa, messo nel Museo Nazionale, per ricordare ai visitatori la miseria e il niente di tutto quel che passa. Così spogliata, resterò nel Museo del Mondo ricordando a quelli che passano, non la miseria e il niente, ma la grandezza delle Misericordie Divine».

Con schiettezza e semplicità Suor Lucia narra in queste pagine le “magiche” beltà della loro infanzia. Tutti e tre i bambini nacquero ad Aljustrel, in Portogallo. Lucia dos Santos, poi suor Lucia di Gesù, il 22 marzo 1907, morirà a Coimbra il 13 febbraio 2005; Francesco Marto l’11 giugno 1908, morirà a Fatima il 4 aprile 1919 (beatificato, con la sorella il 13 maggio 2000); Giacinta Marto l’11 marzo 1910, morirà a Lisbona il 20 febbraio 1920.

Era la primavera del 1916 quando l’Angelo del Portogallo (così si identificò) comparve loro, anticipando l’arrivo di Nostra Signora di Fatima. Lucia e Giacinta (come accadrà anche con la Madonna), potevano vedere e sentire; la prima poteva anche colloquiare, mentre Francesco vedeva soltanto. L’Angelo, che portò l’Eucaristia e li comunicò, per tre volte pregò: «Mio Dio! Io credo, adoro, spero e Vi amo. Vi chiedo perdono per quelli che non credono, non adorano, non sperano e non Vi amano». Poi disse: «Pregate così. I Cuori di Gesù e di Maria stanno attenti alla voce delle vostre suppliche».

Francesco aveva un carattere mite, umile, paziente. Nel gioco accettava la sconfitta benevolmente e tendeva ad isolarsi, non si dava cura e pensiero se veniva emarginato. Era sempre sorridente, gentile, condiscendente. Quando qualcuno si ostinava a negargli i suoi diritti di vincitore, si piegava senza resistere: «Credi di aver vinto tu?! E va bene! A me non me n’importa!» e se qualcuno degli altri bambini insisteva nel togliergli qualcosa che gli apparteneva, diceva: “Fa’ pure… a me che me n’importa?!”». E davvero nulla gli importava, se non le realtà celesti. Amava il silenzio e non mancava occasione per mortificarsi con atti di eroismo.

Dopo il pascolo, la sera, Francesco e Giacinta andavano nell’aia della famiglia di Lucia per giocare e, insieme, aspettavano che la Madonna e gli Angeli accendessero le loro «lucerne», così definivano la luna e le stelle, e allora Francesco si animava nel contarle, ma nulla lo entusiasmava di più che l’osservare il sorgere e il tramontare del sole, che identificava come la lucerna del Signore, mentre Giacinta amava maggiormente quella della Madonna.

La sensibilità di animo di Francesco e di Giacinta, che traspariva dalla naturalezza dei loro gesti, con le apparizioni, raggiunse un livello di straordinario misticismo: la grazia corrisposta diede vita ad altezze di virtù. Quella di Francesco fu anima di profonda preghiera. Quando prese ad andare a scuola a volte diceva a Lucia: «Senti, tu va’ a scuola. Io resto qui, in chiesa, vicino a Gesù nascosto. Per me non vale la pena di imparare a leggere; fra poco vado in Cielo. Quando torni, vieni a chiamarmi». Allora si metteva vicino al Tabernacolo e, interrogato su cosa facesse tutte quelle ore, egli affermava: «Io guardo Lui e Lui guarda me».

Mentre Giacinta faceva penitenze per salvare anime peccatrici dall’Inferno, Francesco pensava a consolare il Signore e la Madonna. Ricordando la promessa di Maria Vergine, della quale aveva sempre un’immensa nostalgia, di portarlo presto in Cielo con Giacinta, gioiva dicendo: «lassù almeno potrò meglio consolare il Cuore di Gesù e di Nostra Signora».

Sapeva accettare e sopportare la sofferenza con esemplare rassegnazione e accolse la «Spagnola», che lo portò via, come un dono immenso per consolare Cristo, per riscattare i peccati delle anime e per raggiungere il Paradiso.

La breve vita di Giacinta trascorse in maniera parallela a quella del fratello, legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.

Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Agli inizi del mese di luglio del 1919 Giacinta entrò in ospedale, anche lei colpita dalla «Spagnola». Sua madre le chiese che cosa desiderasse e la piccola chiese la presenza dell’amata Lucia. La visita fu tutto un parlare delle sofferenze offerte per i peccatori al fine di allontanarli dall’Inferno – che con grande sgomento era stato loro mostrato dalla Madonna – e per il Sommo Pontefice: «Tu rimani qua per dire che Dio vuole istituire nel mondo la devozione al Cuore Immacolato di Maria. Quando ce ne sarà l’occasione, non ti nascondere. Di’ a tutti che Dio ci concede le grazie per mezzo del Cuore Immacolato di Maria; che le domandino a Lei, che il Cuore di Gesù vuole che vicino a Lui, sia venerato il Cuore Immacolato di Maria. Chiediamo la pace al Cuore Immacolato di Maria; Dio la mise nelle mani di Lei. S’io potessi mettere nel cuore di tutti, il fuoco che mi brucia qui nel petto e mi fa amare tanto il Cuore di Gesù e il Cuore di Maria!”».

Quando Lucia perse i cugini fu abissale il suo dolore, infatti, come lei stessa ebbe a dichiarare, non ebbe in terra altra più amata compagnia che quella di Francesco e di Giacinta.

Cristina Siccardi

Fonte: Il Timone, gennaio 2013
Tratto dal sito di Cristina Siccardi

Publié dans Articoli di Giornali e News, Fatima, Stile di vita | Pas de Commentaires »

Gli eroici pastorelli di Fatima

Posté par atempodiblog le 13 octobre 2011

È più unico che raro il fatto che due bambini di 10 e 9 anni, i veggenti di Fatima Francesco e Giacinta Marto, senza essere morti martiri, nel breve periodo della loro esistenza siano talmente cresciuti nell’amore di Dio e, di conseguenza, abbiano praticato le virtù in modo così eminente, da essere proposti dalla Chiesa a tutti, piccoli e adulti, come modelli da seguire. Ecco alcuni tratti delle loro vite che Radici Cristiane offre ai sui lettori nel 90° delle Apparizioni di Fatima, in base a quanto scritto dall’eminente gesuita portoghese Padre Fernando Leite nelle biografie dedicate ai due pastorelli (Ed. Luci sull’Est).

Gli eroici pastorelli di Fatima dans Apparizioni mariane e santuari pastorellidifatima

di Fernado Leite – Radici Cristiane

Dei tre veggenti di Fatima, Francesco apparentemente è stato il meno privilegiato. Vedeva la Madonna, ma non la udiva né parlava con lei. La Madre di Dio gli promise l’eterna salvezza ma a condizione di recitare molti rosari giacché doveva purificarsi da qualche macchia del passato.
Sua cugina Lucia racconta che tuttavia egli andò alla morte con dolce a affabile tenacia, senza chiedersi il perché di questa sorte, con due soli propositi: rendersi degno del Cielo e consolare il Signore tanto offeso dagli uomini. Sua mamma descrive così il momento del suo trapasso: «prese un aria di sorriso e così rimase».
Nato l’11 giugno 1908 nella frazione di Fatima del comune di Vila Nova de Ourém, era figlio di genitori poveri, tenuti però come i più onesti e seri del posto.  Francesco era equilibrato e detestava lo schiamazzo, ma non era triste, bensì allegro. Portato all’ascolto e alla conversazione più che ai giochi, cedeva facilmente quando gli negavano una piccola vittoria o un umile dono.
All’alba e al tramonto rimaneva estasiato in contemplazione del sole, delle stelle, delle meraviglie del creato. Guardando gli astri esclamava: “Nessuno però brilla come Nostro Signore!”  Il suo grande divertimento era passare la giornata nei monti, mentre custodiva il gregge, a suonare il piffero e a cantare seduto sulle rocce.
Alle ragazzine invece piaceva danzare. Di tanto in tanto interrompevano la musica per dire assieme il Rosario, da loro ingenuamente accorciato al solo inizio delle parole: Padre Nostro, Ave Maria, Ave Maria, Ave Maria…

Deve conquistarsi il Paradiso
Finché nella primavera del 1916 appare loro l’Angelo della Pace. Inizia allora uno degli avvenimenti più misteriosi e profetici della storia. L’inviato del Cielo li prepara a ricevere la Madre di Dio, insegna loro a pregare, a fare sacrifici, a mortificarsi per riparare le offese contro Nostro Signore. Questo è il fatto che più profondamente e definitivamente inciderà nel cuore di Francesco. Ormai la sua vita non avrà un altro senso che consolare Cristo sofferente.
Nella sua terza apparizione, l’Angelo dà loro l’Eucaristia: singolare Prima Comunione di questi bambini ricevuta dalle mani di un angelo del Cielo! Ben istruito e reso profondo e serio dall’Angelo, Francesco arriva al 13 maggio 1917 alla visione della Madonna, che gli prometterà tramite la cugina Lucia sì il Cielo e fra poco, ma a condizione di pregare ancora molti rosari per rendersene degno. Francesco accetta il suo destino con immane calma.

Una celeste coerenza
Poi, il 13 giugno vedrà l’Inferno, vedrà pure il Papa che sale un ripida montagna e viene ucciso ai piedi della Croce. Francesco incomincerà a far girare esclusivamente la sua vita con stupefacente coerenza intorno a questi nuovi dati entrati nella sua precoce mente. Conoscerà il carcere, la minaccia di venire buttato in una pentola bollente, peggio, la derisione della sua gente, l’incomprensione dei suoi familiari. Niente lo distrarrà tuttavia dai suoi propositi.
Questa determinazione sua, di sua sorella e di sua cugina, determinazione tranquilla e ferma come la roccia, colpirà l’opinione pubblica portoghese. Arriveranno le folle e saranno acclamati come eroi, ma l’umiltà e la calma rimarranno invariabili.
All’ultima apparizione, nell’ottobre del 1917, presenzieranno 70.000 persone, che vedranno il sole girare a conferma della veridicità del messaggio. Né Lucia, né Giacinta né Francesco accetteranno mai un soldo, un vestito nuovo.

Il sorriso del giusto
Per Francesco la strada da fare è segnata: dire molti rosari, occulto anche alle cugine, inginocchiato dietro i muretti di pietra e gli arbusti; fare sacrifici; sostare lungamente in preghiera in Chiesa. A Giacinta diceva: “Senti, tu vai a scuola, io rimango qui in Chiesa presso Gesù Nascosto. Non vale la pena imparare a leggere, perché fra poco vado in Cielo”.
Si ammala gravemente. Le donne del paese testimoniano: “Entrando nella camera di Francesco, sentiamo ciò che sentiamo entrando in una chiesa”. Si prepara per una confessione generale e chiede alla cugina e alla sorella di ricordargli peccati che potrebbe aver dimenticato. Riconosce con grande umiltà le manchevolezze che gli rammentano le bambine.
Il priore viene a somministrargli la Comunione, sarà la sua seconda e ultima. La prima l’aveva ricevuta dall’emissario di Dio. Il 4 aprile 1919, a dieci anni e dieci mesi, Francesco morì sorridendo. Lucia, nella sua lunga vita ogni tanto ripeteva “Cosa darei per rivedere Francesco!” e gli occhi le si riempivano di lacrime.

La beata Giacinta di Fatima
Nel 1935, la celebre Suor Lucia di Fatima scrive circa sua cugina Giacinta Marto: «Lei era bambina solo nell’età. Per il resto, sapeva praticare le virtù e mostrare a Dio e alla Santissima Vergine il suo amore per il sacrificio che la Madonna ci raccomandò (…) Conservo di Lei una grande stima di santità». E aggiunge: «Giacinta fu, secondo me, quella a cui la Madonna comunicò una maggiore abbondanza di grazie, di conoscenza di Dio e della virtù (…) Aveva un portamento oltremodo serio, modesto e amabile, che sembrava tradurre la presenza di Dio in tutti i suoi atti, proprio da persona avanti negli anni e di grandi virtù».
Giacinta nacque quasi due anni dopo suo fratello Francesco e sviluppò un temperamento molto diverso: quanto Francesco era calmo, Giacinta era vivace, amante dei giochi e delle innocenti danze popolari, che eseguiva in modo delizioso. Ma anche Giacinta era precocemente devota, soprattutto di Cristo crocifisso.
In comune i due fratellini avevano soprattutto la grande amicizia per la cugina più grande Lucia. A tutti e tre appare l’Angelo della Pace nel 1916, inizio dell’avvenimento di fede più importante del secolo XX.

Il coraggio del martirio
Essendo la più piccolina del gruppo, Giacinta ruppe il compromesso di non parlare dei fenomeni soprannaturali che stavano accadendo e ne dovete soffrire molto. Anche lei fu subito cosciente che la sua vita sarebbe durata poco tempo, e in mezzo a grandi patimenti. Ma non indietreggiò mai, perché tutto offriva con entusiasmo per alleviare le tribolazioni del Santo Padre e per la conversione dei peccatori.
Quando detenuta nel carcere ogni tanto piangeva lo faceva non per sé stessa, bensì per le preoccupazioni cagionate ai suoi genitori. Trascinata dai poliziotti verso il pentolone bollente, ci racconta Lucia, «la pastorella si avvia al sacrificio senza vacillare. Se n’è andata subito, senza salutarci». Giacinta non sapeva che era solo una minaccia, benché brutale; e comunque morirà dopo sofferenze e desolazioni non meno atroci e altrettanto coraggiosamente accettate.

Privilegiata di altre rivelazioni private
Giacinta ebbe molte rivelazioni oltre quelle del famoso ciclo delle apparizioni del 1917. Alcune di esse riguardavano il Santo Padre, al quale lei continuamente pensava. In esse il Vicario di Cristo gli appariva provato per la situazione del mondo e dei fedeli, minacciato da imminenti persecuzioni, colpito da infami calunnie.
Pativa in modo particolare per le distruzioni che la nuova guerra avrebbe arrecato e per le anime che sarebbero cadute nell’inferno. Si domandava perplessa perché la Madonna non faceva vedere a tutti l’inferno così come glielo aveva fatto vedere a lei il 13 luglio 1917. Ella pensava che ciò sarebbe bastato ad evitare che almeno alcuni vi cadessero.

Abnegazione di sé
Per i peccatori e per la Chiesa offriva sacrifici continui: distribuiva la merenda fra le pecore, altre volte fra alcune ragazze più povere. Ed era l’unico cibo di cui disponeva per le lunghe ore passate nella campagna. Arrivò persino a privarsi dal bere nel mese di agosto, quando il caldo era rovente. Stringeva al corpo un ruvida corda e ogni tanto si strofinava le gambe con le ortiche. Forse ciò che le costò di più fu la rinuncia al ballo, al quale era molto affezionata e ben portata.
Quando vide vicina la morte, disse a Lucia: «Ormai mi manca poco per andare in Cielo. Tu resti qui per dire che Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Cuore Immacolato di Maria. Quando sarà il momento di dirlo, non nasconderti (…) Ah! Se potessi mettere nel cuore di tutti la luce che ho qui dentro nel petto a bruciarmi…!».
Le vicine si davano il turno per cucire i vestiti al capezzale di Giacinta, sentendo forte il richiamo della sua santità. La stanza si riempiva di curiosi che rimanevano edificati vedendola dormire ed esclamavano: “Questa deve essere un angelo!”. A volte una folla si inginocchiava a pregare intorno al letto, senza che la bambina si svegliasse dal suo placido sonno.
La Provvidenza permise che non morisse a casa fra i suoi, ma in ospedale nella lontana Lisbona. Sarebbe rimasta in grande solitudine se non fosse che la Madonna la visitò varie volte per consolarla e darle forze.
Il 20 febbraio 1920 la Madre di Dio venne a cogliere questo piccolo grande fiore per portarlo in Cielo. Nel 1935 la sua bara fu riaperta e il corpo trovato incorrotto. Oggi giace nel transetto della Basilica della Madonna di Fatima.

Publié dans Apparizioni mariane e santuari, Fatima | Pas de Commentaires »

Beata Imelda Lambertini

Posté par atempodiblog le 2 janvier 2008

 

Beata Imelda Lambertini dans Beata Imelda Lambertini

 

 

Beata Imelda Lambertini Vergine

12 maggio

Bologna, 1320 c. – 12 maggio 1333

Quella di Imelda Lambertini, al secolo Maria Maddalena, è una vicenda che si iscrive nel capitolo della santità dei bambini e degli adolescenti. Nata a Bologna intorno al 1320, morì nel monastero domenicano di Santa Maria Maddalena in Val di Pietra nel 1333, quindi a soli 13 anni circa. Era entrata nel monastero ancora bambina, desiderosa di ricevere l’Eucaristia. Ciò avvenne per via miracolosa, come attesta la tradizione. Questo prodigio l’ha resa modello di devozione eucaristica. Fu Papa Leone XII a confermare nel 1826 il culto della beata, già attestato nel catalogo dei santi e dei beati della Chiesa bolognese del 1582. Il Domenicano Giocondo Pio Lorgna (1870-1928) mise sotto la protezione della beata la Congregazione da lui fondata, le Suore domenicane della beata Imelda, oggi presenti in Italia, Albania, Filippine, Camerun, Brasile e Bolivia. Si occupano di pastorale parrocchiale, scolastica e giovanile. Per «Amare e far amare Gesù Eucaristia», secondo il detto del fondatore. (Avvenire)
Etimologia: Imelda = (forse) attiva in battaglia, dall’antico tedesco
Martirologio Romano: A Bologna, beata Imelda Lambertini, vergine, che, accolta fin da piccola come monaca nell’Ordine dei Predicatori, ancor giovinetta, dopo aver ricevuto l’Eucaristia con straordinaria devozione, d’un tratto emise il suo spirito.

L’essere santi non è un privilegio di pochi, ma una meta per tutti, senza limiti di età o condizione sociale; i giovani in particolare, seguiti dagli adolescenti e dai ragazzi, non sono mai mancati nella storia della Santità Cristiana; anche se per un lungo periodo, la Chiesa non ha preferito proclamare santi o beati dei fanciulli o adolescenti.
Poi questa preclusione è venuta meno e tanti giovani e ragazzi sono saliti o stanno per salire all’onore degli altari, inoltre le cause in corso hanno subito un’accelerazione; ne citiamo alcuni:
Servi di Dio: Silvio Dissegna 12 anni di Moncalieri (TO); Aldo Blundo 15 anni di Napoli; Angela Iacobellis 13 anni di Napoli; Girolamo Tiraboschi, novizio camilliano di Cremona; Giuseppe Ottone 13 anni di Torre Annunziata (NA); venerabili Maggiorino Vigolungo 14 anni, aspirante Paolino di Benevello (Cuneo); Mari Carmen Gonzalez-Valerio 9 anni spagnola; i beati Giacinta Marto 10 anni e Francesco Marto 11 anni, veggenti di Fatima in Portogallo; beato Nunzio Sulprizio 19 anni di Napoli; beato Pedro Calungsod di 18 anni, martire filippino; beati David Okelo 16 anni e Gildo Irwa 12 anni, martiri ugandesi; beata Laura Vicuña 13 anni cilena; san Domenico Savio 15 anni, oratoriano di don Bosco; santa Maria Goretti 12 anni di Nettuno (Latina), ecc.
Velocemente accenniamo anche ai santi adolescenti e martiri dei primi tempi cristiani, come s. Tarcisio, s. Vito, s. Pancrazio, s. Agata, s. Agnese.A questo incompleto elenco, bisogna aggiungere una beata del Basso Medioevo, periodo storico avaro di figure di bambini santi; si tratta di Imelda Lambertini nata a Bologna nel 1320 ca.; figlia di Egano Lambertini e della sua seconda moglie Castora Galluzzi, al battesimo ebbe il nome di Maria Maddalena.
Ancora bambina era entrata nel monastero delle Domenicane di S. Maria Maddalena di Val di Pietra, dove oggi sorge il convento dei Cappuccini e le fu dato il nome di Imelda, la comunità era composta dalle Canonichesse Regolari di S. Agostino, le quali verso la fine del sec. XIII erano passate alla Regola Domenicana.
Della vita di Imelda non si sa quasi niente, tranne il famoso miracolo eucaristico che la vide protagonista; come è noto, ricevere la Comunione Eucaristica, non era permesso in quei tempi prima di aver compiuto i 12 anni, ma l’educanda Imelda aveva un solo desiderio, che era quello di ricevere l’Ostia consacrata e ne faceva continua richiesta, sempre rifiutata.
La vigilia dell’Ascensione, il 12 maggio 1333, stava in Cappella partecipando con le suore e le altre educande alla celebrazione della Messa, arrivata alla Comunione Imelda inginocchiata al suo posto pregava fervidamente, desiderando nel suo intimo di ricevere Gesù, quando una particola si staccò dalla pisside tenuta in mano dal celebrante e volò verso la bambina, tutti i presenti poterono vederla, allora il sacerdote accostatosi la prese e gliela mise fra le labbra.
Subito dopo raggiante di gioia e ancora inginocchiata, Imelda Lambertini spirò in un’estasi d’amore, a quasi 13 anni. Le sue spoglie furono racchiuse in un artistico sepolcro di marmo con un’iscrizione e si cominciò a recitare in suo onore un’antifona.
Dal 1582 le Domenicane si trasferirono all’interno delle mura di Bologna, ottenendo dalla Curia arcivescovile la traslazione delle reliquie della beata, che oggi si trovano nella chiesa di S. Sigismondo. Da quell’anno il suo nome fu inserito nel Catalogo dei Santi e Beati della Chiesa Bolognese.
Sotto il pontificato di Benedetto XIV (1740-1758), il quale la ricordò in una sua opera sulla canonizzazione dei Servi di Dio, furono avviate le pratiche di conferma del culto della beata bolognese, che però avvenne solo con papa Leone XII il 20 dicembre 1826.
La pratica di canonizzazione fu ripresa nel 1921 proseguendo fino al 1942, arenandosi poi per difficoltà di carattere storico.
Il culto per la beata Imelda Lambertini, si è diffuso di pari passo con la crescente devozione eucaristica in tutto il mondo; è la patrona venerata dei Piccoli Rosarianti e le Beniamine di Azione Cattolica e papa s. Pio X nel 1908, la indicò come protettrice dei bambini che si accostano alla Prima Comunione.
In Francia nel monastero di Prouilles sorse in suo onore una Confraternita, approvata dai Sommi Pontefici e messa sotto la guida dell’Ordine Domenicano.
Infine il Servo di Dio padre Giocondo Pio Lorgna (1870-1928) domenicano, mise sotto la sua protezione la Congregazione da lui fondata, le “Suore Domenicane della Beata Imelda”, oggi presenti in Italia, Brasile, Albania, Filippine, Camerum, Bolivia.

Autore:
Antonio Borrelli – santiebeati.it

 


 

BEATA IMELDA LAMBERTINI

All’inizio del 1300, viveva a Bologna il Conte Lambertini che con sua moglie Castora desiderava ardentemente un figlio che però tardava a venire, nonostante le preghiere e le suppliche che da loro s’innalzavano al cielo. Finalmente nacque una bimba, Imelda, che fin da piccola mostrò segni di grande personalità: invece di apprezzare i giochi che la circondavano, preferiva i grani del rosario e quando piangeva per qualche piccolo guaio, l’acquietava solo il sentir pronunciare il nome di Gesù.
Nonostante la giovane età, essa mostrò subito i segni di una precoce religiosità, che la vedeva inginocchiata spesso davanti ad una statua della Vergine, o recitare il rosario o andare alla Messa di frequente, guardando con invidia chi poteva ricevere il Corpo e il Sangue di Gesù. Imparò presto a leggere con un piccolo Messale e si faceva spiegare i passi della Bibbia dalle due zie suore, tra cui la sorella del padre che, prima dedita ai piaceri del mondo, si era tutt’a un tratto ritirata, coinvolgendo una cinquantina di sue amiche, in un convento dove visse venti anni in penitenza e contemplazione.

Quando Imelda compì 10 anni, i suoi genitori volevano festeggiare il suo compleanno ma ella rifiutò, chiedendo invece di entrare in convento presso le suore Domenicane. I genitori, oppressi dal dolore di perderla, tuttavia la lasciarono partire per la sua nuova vita. Il convento era regolato da ferree abitudini: bisognava amare l’obbedienza, la povertà, i digiuni, le veglie, la mortificazione… ma niente sembrava troppo per la giovanetta che con grande emozione ricevette il suo nuovo abito e cominciò a seguire le regole della sua nuova casa, pur pensando spesso ai genitori e sentendosi stringere il cuore per il loro dolore. Intanto, faceva tanti progressi ma ancora, purtroppo, non poteva ricevere Gesù e questo la feriva profondamente.
Un giorno, dopo aver sentito leggere la vita di Sant’Agnese, il suo sacrificio e il suo amore per Gesù, chiuse gli occhi immaginandosi la scena e sentì una voce che le chiedeva: “Figliola, cosa desideri da me?” e vide chinarsi su di lei la Madonna a cui, pronta, rispose: “Volevo conoscere la storia di Agnese perchè cerco in cielo un’amica poichè qui sulla terra non ne ho nessuna”. La Madonna la prese per mano e la condusse in un luogo dove trovò ad attenderla Maria Maddalena e san Domenico e successivamente conobbe la piccola santa Agnese. A questa visione si svegliò. Certo tutto era stato un bel sogno che l’aveva però molto confortata. Il suo pensiero fisso, comunque, era quello di ricevere Gesù, ma sembrava che per questo il tempo non passasse mai; chiedeva il permesso al cappellano ma questi rifiutava ed ella accettava la volontà di Dio con rassegnazione, pur struggendosi nella pena e nella penitenza.
Alla vigilia dell’Ascensione, Imelda era in ginocchio davanti all’altare mentre una suora più anziana si dava da fare lì intorno. Ad un tratto ella udì un leggero fremito e, volgendosi, vide un’Ostia che era sospesa a mezz’aria sul capo della bambina, mentre Imelda era in estasi. Corse ad avvertire le altre e tutte si radunarono nella cappella insiema al cappellano che, tenendo in mano una patena si diresse verso l’Ostia che discese e si posò tra le mani del sacerdote. Imelda fece così la sua prima comunione. Ma quando finalmente tutto fu finito e la superiora si diresse verso la bimba per rialzarla, la fanciulla ricadde inerte: era morta d’amore per Gesù e dal suo viso irraggiava ancora una felicità ineffabile.

Fonte: cartantica.it

Publié dans Beata Imelda Lambertini, Fede, morale e teologia, Stile di vita | Pas de Commentaires »