• Accueil
  • > Articoli di Giornali e News

Intervista-verità a Ivano Fanini

Posté par atempodiblog le 23 septembre 2008

Pantani, la provetta scambiata e il dopato che vincerà il Mondiale di Varese

Intervista-verità a Ivano Fanini, presidente dell’Amore & Vita: “I big hanno lasciato la Vuelta una settimana prima per assumere epo in tranquillità” – “Riccò? Da squalifica a vita” – “Tutti i miei ragazzi morti miseramente”

di Paolo Ziliani – paoloziliani.it

Non usa giri di parole Ivano Fanini, 57 anni, presidente del team ciclistico «Amore & Vita-McDonald’s», parlando dell’aria pesantissima che si respira in gruppo a 5 giorni dalla gara clou dei professionisti ai Mondiali di Varese.

Fanini, che Mondiali saranno?

«Se alla Rai facessero le cose per bene, domenica, al momento della premiazione della prova iridata su strada dei professionisti, dovrebbero mandare una didascalia che dica: “Corridore Tizio, medaglia d’oro, dopato; corridore Caio, medaglia d’argento, dopato; corridore Sempronio, medaglia di bronzo, dopato”».

Le sue sono accuse molto gravi.

«Lo so, ma accadrà quello che avviene da anni nei Giri d’Italia, di Spagna e di Francia: vincerà un corridore che si dopa, altrimenti non ce la farebbe, e batterà un corridore che si dopa e un altro che si dopa. E se le “cure” saranno state fatte in modo “intelligente”, l’antidoping non diventerà un problema».

Si spieghi meglio.

«Ha visto cos’è successo nell’ultima settimana della Vuelta? Tutti i big che puntano a vincere il Mondiale e i loro gregari sono tornati a casa senza un motivo giustificato. Ho chiesto al mio direttore sportivo, Pierino Gavazzi, che è stato tre volte campione d’Italia e ha vinto una Sanremo, come mai succede questo: e mi ha risposto che i corridori tornano per fare quello che in gergo viene chiamato il “rifornimento”, cioè per assumere epo al riparo da occhi indiscreti. È quello che i corridori chiamano “la cura”. La fanno tutti, il big che deve vincere e il gregario che deve aiutare a vincere. Unica avvertenza: sospenderla qualche giorno prima della corsa per non lasciare tracce il giorno fatidico».

Qualcuno però ogni tanto viene beccato.

«Poca roba. Nella rete generalmente finiscono i giovani, come Riccò e Sella. Dopo i tanti casi di doping in cui era stato coinvolto da dilettante, Riccò avrebbe già meritato di essere squalificato a vita. In quanto a Sella, fino a un anno fa era un corridore normale. Di colpo, al Giro 2008, è diventato un fenomeno: e anche nel suo caso la spiegazione ha il nome della nuova epo, il Cera. Anche lui in un certo senso paga l’inesperienza. Errori così non li commette certo un Piepoli, la lunga ombra di Riccò. Che la sua squadra ha licenziato lo stesso perché nessuno ormai si fida più di uno come lui».

Riccò cacciato dal Tour ha fatto rivivere i fantasmi di Pantani, spedito a casa in maglia rosa a Madonna di Campiglio il 5 giugno del 1999.

«È vero. Ma nessuno sa che anche l’anno prima, al Giro del ’98, quello da lui vinto trionfalmente, Pantani avrebbe dovuto essere mandato a casa. Invece al posto suo fu cacciato Forconi, un gregario. Che il giorno dopo, visto che era un mio ex corridore, era stato con me 6 anni all’Amore & Vita, venne a trovarmi in ufficio e mi raccontò tutto. “Hanno fatto uno scambio di provette e hanno mandato a casa me, che alla Mercatone sono l’unico ad avere i valori bassi”, mi disse. Riccardo era un modesto gregario, uno da 20-30 milioni di lire l’anno. Beh, dopo quell’episodio, e quella squalifica, si è costruito una villa sulle colline di Empoli: e si è fatto una posizione. Oggi collabora con Beppe Martinelli, il direttore sportivo di allora, ed è il team manager della Vangi, un club di dilettanti assai quotato».

Abbiamo parlato di Riccò, Sella, Piepoli, ma fra i corridori squalificati in casi diversi ci sono stati anche Basso, Di Luca, Petacchi…

«È una situazione senza ritorno. Un anno fa, al Giro, dopo il tappone dello Zoncolan vennero sottoposti a un controllo a sorpresa Di Luca, Riccò, Simoni e Mazzoleni: i 4 italiani meglio piazzati in classifica. Ebbene, tutti e 4 fecero la pipì degli angeli: in pratica mostrarono il profilo ormonale di un bambino di 7 anni. Una cosa da ridere. Nonostante questo, credo che Di Luca continui a intrattenere rapporti col medico super-squalificato Santuccione; e il massaggiatore di Riccò è sempre Pregnolato, che seguiva Pantani e fu incastrato nella retata dei Nas a Sanremo, nel Giro del 2001, con un sacco di robaccia in valigia, quindi venne squalificato. Per non parlare di Basso, che è stato coinvolto nell’Operación Puerto, ha raccontato un sacco di balle e adesso è pronto al rientro, bello come il sole».

Che cosa si dovrebbe fare?

«Squalificare a vita l’atleta trovato positivo. Ed estendere automaticamente la squalifica al team manager, o direttore sportivo, perché alle verginelle tradite dal loro pupillo non crede più nessuno. Due anni fa, dopo i pasticci combinati dai suoi corridori, la Milram ha licenziato in tronco il d.s. Stanga – che sapeva tutto – e ha fatto bene. E mi chiedo: che cosa ci sta a fare ancora nel ciclismo uno come Bjarne Rijs? Uno che ha imbrogliato tutta la vita, che ha vinto un Tour da dopato e che dopo gli scempi commessi da d.s. è ancora lì, sull’ammiraglia, e ha appena vinto il Tour de France con Sastre, che sul podio a Parigi ha avuto l’impudenza di ringraziare Manolo Saiz, ossia il principale artefice del doping nel ciclismo assieme ai medici Ferrari e Santuccione».

Lei è il presidente dell’Amore & Vita-McDonald’s e da molti anni si sta battendo a spada tratta contro il doping. Perché lo fa?

«Fino al ’98 sono stato un dirigente come un altro, ho fatto come tutti. Le mie squadre hanno vinto una quindicina di tappe, tra Giro e Vuelta, con corridori che si dopavano. Poi ho cominciato a vedere ragazzi che stavano male, ho cominciato a contare i morti, e mi sono ribellato. Vuole sapere quanti miei ex ragazzi sono morti negli ultimi anni? Sei. E ben tre nelle ultime tre stagioni: Galletti, Cox e Fois. Galletti l’avevo ingaggiato a 30 anni a patto che non toccasse più il doping e si era rilanciato al punto da diventare un fido gregario di Cipollini. È morto in gara due anni fa. Cox, sudafricano, aveva talento e a 23 anni era passato alla Barloworld: a 28 anni è morto nel suo Paese, abbandonato da tutti, dopo un’inutile operazione in Francia per problemi vascolari dovuti all’assunzione di sostanze proibite. Fois è stato l’ultimo, circa 6 mesi fa: è morto con la maglia dell’Amore & Vita nell’armadio. Come ho fatto spesso con tanti corridori in difficoltà, l’avevo ingaggiato per ridargli una ragione di vita, per toglierlo dalla strada. Si stava riprendendo. Non ce l’ho fatta».

Ma i telecronisti e gli inviati, quando Riccò vince «alla Pantani», si perdono in peana.

«Sanno tutto ma tacciono. E quando succede il fattaccio fingono di stracciarsi le vesti. La parola d’ordine è “business & spettacolo”: il resto non conta. E la salute dei corridori meno che mai. Un dramma, perché molti di questi ragazzi, quando subiscono lunghe squalifiche o smettono di correre, passano dal doping alla cocaina o ad altre tossicodipendenze. Com’è successo a Pantani, a Jiménez e a Fois: che purtroppo oggi non ci sono più».

Publié dans Articoli di Giornali e News, Sport | Pas de Commentaire »

Baby calciatori, silenzio stampa sui risultati

Posté par atempodiblog le 20 septembre 2008

Baby calciatori, silenzio stampa sui risultati:
vedere la classifica è stress

Baby calciatori, silenzio stampa sui risultati dans Articoli di Giornali e News sereni03gcm5

Spero che Il papà di Giovanna, il nuovo bellissimo film di Pupi Avati, arrivi presto sugli schermi della Gran Bretagna e spero che lo vadano a vedere tutti i dirigenti del football inglese che ieri hanno abolito risultati e classifiche dei campionati dei bambini di 7 e 8 anni (in alcune zone, anche di quelli di 9, 10 e 11 anni). Il film potrebbe essere un provvidenziale antidoto alla sciagurata illusione di preservare i piccoli dal trauma della sconfitta, dall’onta dell’ultimo posto, perfino dall’istinto della competizione.
Perché questo è il movente ultimo dei dirigenti del calcio inglese: proteggere i bambini, evitare che fra loro qualcuno emerga come più bravo e quindi qualcun altro, inevitabilmente, come meno bravo; soprattutto, poi, evitare la gogna mediatica della classifica appesa all’ingresso degli spogliatoi o magari – orrore – pubblicata sul settimanale locale. Resta il gioco, restano i gol, restano i più forti e i più scarsi, perché la realtà non la si può eliminare. La si può però nascondere. Non basta più ovattarla con De Coubertain, addolcirla con un complimento, ripararla con un giocattolo. No: la realtà, quando è sgradevole, bisogna occultarla, negarla.
La partita senza risultato e il campionato senza classifica sono l’ultimo anello di una catena che parte da lontano, dal vietato sgridare del dottor Spock all’abolizione dei cartelloni murali con i voti di scuola a fine anno. Così come il bocciato non deve essere traumatizzato dal vedere il proprio nome in quella che ormai viene considerata una lista di proscrizione, il baby inglese non deve provare l’umiliazione neppure di un secondo posto.
Va detto che tra le motivazioni addotte dalla federazione calcistica inglese ce n’è una non peregrina, che si rifà all’ormai straripante e prepotente presenza dei genitori alle partite di calcio dei bambini. Chiunque abbia figli che giocano sa di che cosa parlo. Fino a una ventina di anni fa ai campionati di pulcini, primi calci e giovanissimi il genitore era una presenza rara e persino preziosa: serviva a dare una mano, anzi un volante e quattro ruote, ad allenatori e accompagnatori indaffarati a organizzare le trasferte. Sugli spalti non si sentiva gridare un «bravo», né un batter di mani. Oggi papà, mamme, zie e nonni si costituiscono in tifo organizzato: cominciano incitando; poi passano all’insulto all’arbitro; quindi a quel pirla dell’allenatore che non capisce che mio figlio non può giocare sulla fascia; infine la rissa con i genitori dell’altra squadra: sta’ zitto, che c. vuoi, ti faccio un c. così, ci vediamo fuori.
Ma non è con l’abolizione del risultato e della classifica che si risolve il problema. Intanto perché i genitori-ultras ai bordi del campo se ne fregheranno del mancato verbale: continueranno a seguire la partita e a contare i gol. E poi non è anestetizzando i bambini che si placano i furori e le frustrazioni degli adulti. Si puniscano loro, piuttosto: si impedisca ai genitori scalmanati di seguire i figlioli al campo.
I bambini poi, anche quando perdono, soffrono molto meno di quanto soffriamo noi per loro. Prima ancora di rientrare negli spogliatoi, per il bimbo la sconfitta è digerita, il gol in fuorigioco dimenticato, il fallo accettato come facente parte della realtà di una partita.

Eppure è nel malinteso tentativo di tutelarlo da un trauma che la federazione inglese – e chissà quanti altri tra poco – vogliono privarlo dell’aspetto più sano del gioco. La competizione non è – non deve essere, almeno – occasione per prevaricare e per irridere. Ma per sperimentare se stessi sì; per provare fatica, per capire che ogni traguardo va meritato, per fare esperienza della gioia di una vittoria e della delusione di una sconfitta. Perché di questo i bambini dovranno poi vivere: fatica, merito, gioia, delusioni, vittorie e sconfitte.
Come Il papà di Giovanna trucca i risultati degli esami di maturità per procurare un fidanzato alla figlia bruttina, i dirigenti del football inglese truccano anzi addirittura annullano le classifiche per evitare uno scacco ai bambini meno bravi. Come Il papà di Giovanna, vogliono tenere i bimbi sotto una campana di vetro, nell’illusione di preservarli dalle prime avvisaglie dell’asprezza della vita. Ma come Il papà di Giovanna produrranno disastri. I bambini sono abbastanza intelligenti per capire, e una sconfitta tenuta nascosta fa più male di una sconfitta accettata.
Questo dovremmo capire noi che siamo un po’ tutti papà di Giovanna: dovremmo capire che i nostri figli sono più forti di quanto noi immaginiamo.

di Michele Brambilla – Il Giornale

Publié dans Articoli di Giornali e News, Michele Brambilla, Sport | Pas de Commentaire »

Perché i cristiani contano meno degli orsi?

Posté par atempodiblog le 13 septembre 2008

Perché i cristiani contano meno degli orsi?
Il Cardinale Caffarra denuncia il silenzio dei media sulle persecuzioni in India

BOLOGNA, giovedì, 11 settembre 2008 (ZENIT.org).- Il 9 settembre scorso, in occasione della giornata di preghiera e di digiuno per i cristiani perseguitati nello Stato indiano dell’Orissa, il Cardinale Carlo Caffarra ha denunciato il “silenzio assordante dei media”, più preoccupati degli orsi che dei cristiani, ed ha spiegato “la grandezza del martire che smaschera la povera nudità del relativismo”.

Di fronte alla comunità di fedeli riunita nella Cattedrale di Bologna, l’Arcivescovo di questa città ha rivolto il proprio pensiero ai fratelli e alle sorelle indiani, perseguitati e martirizzati ed ha ribadito l’accorato appello del Santo Padre, sostenendo di volere con il “digiuno e la preghiera condividere la stessa passione di chi è perseguitato per il nome del Signore”.

Solidale e vicino alle sofferenze e ai disagi dei cristiani indiani, il porporato ha denunciato “l’assordante silenzio’ che i mezzi della comunicazione (esclusi quelli cattolici) [...] stanno mantenendo su queste gravi violazioni a fondamentali diritti della persona: il diritto alla vita, e il diritto alla libertà religiosa”.

“Questo ‘assordante silenzio’ ci dona materia di profonde riflessioni”, ha commentato il Cardinale Caffarra, che si è poi chiesto: “perché ci si mostra più preoccupati della sorte degli orsi polari che di uomini e donne colpevoli solo di aver scelto la fede cristiana?”.

L’Arcivescovo di Bologna ha cercato di spiegare questo comportamento precisando che “il martirio disturba gravemente chi ritiene che alla fine tutto è negoziabile; chi nega che esista qualcosa di indisponibile e che non può essere mercanteggiato”.

“Il martire – ha aggiunto – esalta la dignità della persona in modo che non può che essere censurato da chi pensa che alla fine l’uomo è solo un frammento corruttibile di un tutto impersonale. La grandezza del martire smaschera la povera nudità del relativismo”.

Il porporato ha quindi ricordato le vicende e l’insegnamento di Gesù, che è morto in Croce per salvarci ed ha spiegato che “i nostri fratelli e sorelle stanno percorrendo la via del Signore”.

“Essi sono il chicco di grano che caduto nella terra indiana, porterà molto frutto – ha proseguito –. Hanno ritenuto che è meglio, se così vuole Dio, soffrire operando il bene piuttosto che facendo il male”.

“I fratelli e sorelle perseguitati – ha concluso – ci stanno dando il più grande insegnamento sull’uomo, sulla sua dignità, sulla sua altissima vocazione”, per questo “non ci turbi più nulla, ma adorando solo Cristo nel nostro cuore, siamo pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in noi”.

Fonte: ZENIT.org

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Ai tg piacciono più gli dei cristiani

Posté par atempodiblog le 13 septembre 2008

AI TG PIACCIONO PIU’ GLI ORSI DEI CRISTIANI
Scritto da: Riccardo Cascioli il 10-9-2008

A quanti, seguendo i TG serali, si sono preoccupati nei giorni scorsi per la sorte di nove orsi polari farà sicuramente bene sapere che si trattava della ormai solita bufala ecologista. L’ha smascherata il sito SVIPOP con una ricostruzione puntuale dei fatti: si è partiti da un casuale – e unico – avvistamento a metà agosto da parte di un aereo governativo americano che era in zona per tutt’altro, per costruirci poi un romanzo che è andato arricchendosi via via di dettagli e ipotesi fantasiose senza alcun riscontro reale. Per quanto ne sappiamo, dunque, quegli orsi probabilmente stavano tranquillamente nuotando per fatti loro come è normale che facciano.

La cosa che però qui ci interessa maggiormente è il fatto che le redazioni RAI e Mediaset avevano tutta la possibilità di verificare la fondatezza o meno della notizia, ma hanno preferito spararla così, evidentemente hanno ritenuto che queste notizie aumentano  gli ascolti. Senonché proprio negli stessi giorni – come abbiamo ricordato in una precedente notizia – nello stato indiano dell’Orissa si è registrata un’ondata di violenze contro i cristiani che ha provocato dai 50 ai 100 morti (a seconda delle fonti) e decine di migliaia di sfollati. E di questo TG1 e TG5  hanno preferito non dare conto. Peraltro la situazione nell’Orissa e in altri stati indiani è da anni critica per i cristiani, non si tratta perciò di un episodio isolato, e meriterebbe perciò qualche approfondimento.

Dunque di fronte a due notizie – una drammaticamente vera, che coinvolge decine di migliaia di esseri umani, e una già “fortemente sospetta” e poi rivelatasi clamorosamente falsa, con nove orsi protagonisti – i due più importanti TG della sera hanno scelto di dare ampio risalto soltanto alla seconda (il fenomeno è vero anche per i maggiori quotidiani, ma la tv ha chiaramente un impatto ben diverso). La cosa dimostra che nelle notizie c’è una vera e propria gerarchia, condivisa sia dalle direzioni dei principali TG sia dal pubblico che li segue: la sorte degli animali è più importante della sorte degli esseri umani (anche la notizia degli orsi fosse stata vera, nove plantigradi contano più di decine di migliaia di uomini indiani); tra gli esseri umani poi, i cristiani sono in fondo alla graduatoria: pochi giorni prima la denuncia delle violenze sulla popolazione tibetana ha avuto ben altro risalto, mentre dei cristiani cinesi che soffrono uguale persecuzione nessuno ne parla e a loro nessuno dedica medaglie olimpiche.

Ma soprattutto dobbiamo notare che ormai anche nei TG dilaga la fiction, che ha preso il posto della realtà. Così una mega-bufala come quella degli orsi toglie lo spazio ad eventi reali come la persecuzione in India, non ultimo perché fa più spettacolo. Dobbiamo perciò abituarci a guardare ai canali informativi principali come a un’ulteriore forma di spettacolo, che non solo non ci informa veramente ma ci “distrae” dalla realtà.

Anche questo è un effetto della secolarizzazione, della perdita dell’identità cattolica. Il cristianesimo è l’unica religione che guarda alla realtà in modo positivo, perché la realtà è segno di Cristo. La realtà va dunque affrontata e vissuta per quello che è. Ma quando si perde questo significato la realtà diventa inconoscibile, fa paura. Allora ci si crea una realtà a propria immagine o ad uso e consumo del potere dominante. E’ bene prenderne chiaramente coscienza per non lasciarci ridurre in schiavitù, e tornare protagonisti nel mondo. 

Fonte: Il Timone

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

La « dolce morte » per tutti

Posté par atempodiblog le 9 septembre 2008

Ecco l’ultima idea di Zapatero:
la « dolce morte » per tutti


Il governo intende concedere il diritto all’eutanasia anche a chi non è malato terminale. Il ministro spagnolo della Salute anticipa le linee guida di una normativa che entrerà in vigore entro la fine della legislatura…

Madrid – L’ultimo affondo del governo Zapatero ai valori della Chiesa cattolica si chiama eutanasia e arriva con parole che evocano un’epoca che credevamo superata. «Il proprietario del tuo corpo sei tu e sei tu che decidi. Questo è socialista!». Sembra uno slogan del Sessantotto e in un certo senso lo è. Perché il terreno di coltura che lo ha prodotto è proprio quello, quello dell’autodeterminazione che, rifiutando le regole, assurge paradossalmente a regola essa stessa. L’unica differenza è che non siamo nel Sessantotto, ma quarant’anni dopo, oggi, e che a parlare non è un figlio dei fiori ma Bernat Soria, il cinquantasettenne ministro della Salute spagnolo.
È su questa libertà di decidere del proprio corpo, oltre che della propria vita e della propria morte, che la Spagna guidata dal socialista José Luis Zapatero si avvia a varare una legge che preveda il suicidio assistito. Con un deciso colpo di acceleratore e in barba a tutte le resistenze della società civile, in particolare di quella cattolica, tanto da puntare a realizzare l’obiettivo entro la fine di questa legislatura, vale a dire entro il 2012, e attraverso una modifica del Codice Penale.
In una intervista rilasciata al quotidiano El Paìs, Soria spiega che l’intervento, legislativo e normativo allo stesso tempo, rientrerà nell’ambito di un più ampio progetto che riguarda le norme a garanzia di una “morte degna“.
«La battaglia contro la morte non si può vincere, ma quella contro il dolore sì», ha detto Soria spiegando che la legge attualmente in vigore, voluta dal Partito Popolare, dà la possibilità ai malati di morire senza soffrire, ma la sua applicazione, di fatto, la annulla. «Per questo – dice Soria – abbiamo elaborato una strategia nazionale per le cure palliative, che include la formazione professionale, facilitazioni per l’assistenza domiciliare, regolare le fasi terminali della malattia, la “morte degna” e il diritto di ogni malato di poter decidere di interrompere le terapie». Che, in altre parole, significa che il governo Zapatero intende concedere a tutti, anche a chi non è un malato terminale, di porre fine alla propria vita. Con il placet e l’aiuto dello Stato.
A poco servono le rassicurazioni circa la “collegialità” e la serietà con la quale sarà definito il progetto, aprendo prima di tutto una riflessione in seno al governo: «Il ministero della Salute e quello della Giustizia – ha detto Soria – si apprestano a consultarsi con esperti del settore» per creare una commissione che offra elementi in base ai quali «prendere una decisione politica».
Politica, appunto, perché al di là della presunta difesa del malato e del suo diritto ad autodeterminarsi, questo progetto del governo Zapatero altro non è che l’ennesima mossa volta a smantellare la rete sociale e di diritto costruita dai precedenti governi guidati dal Partito Popolare. In Spagna l’eutanasia non è consentita ma la legge permette ai malati di rifiutare di essere curati. Un’eventuale legislazione sul suicidio assistito potrebbe riguardare le persone gravemente malate ma non in immediato pericolo di vita. Un distinguo fondamentale, che apre scenari inquietanti di arbitrarietà e intorno al quale non c’è alcun dubbio che si scateneranno le polemiche e gli attacchi politici, in primis da parte della Chiesa cattolica, come già avvenuto per le leggi sul matrimonio gay con possibilità di adozione e il divorzio breve. Oltre che sull’apertura di Zapatero verso la fecondazione assistita ai single e la revisione della legge sull’aborto. Ma la reazione della Chiesa cattolica spagnola pare non preoccupare affatto il governo: «Come ministro e deputato socialista – ha detto Soria – l’unico mandato di cui devo rispondere è quello conferitomi dai cittadini. Non so quali strategie terranno la Conferenza Episcopale, il Partito Popolare e altri gruppi, e comunque non è rilevante».

di Barbara Benini
Il Giornale n. 36 del 2008-09-08

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Le corna, che colpo di geni

Posté par atempodiblog le 9 septembre 2008

La scienza ci ha finalmente assolti: quando le nostri mogli ci accuseranno di averle tradite non saremo più costretti a balbettare lascia che ti spieghi, non è come pensi tu. «L’infedeltà coniugale dipende da un gene, una specie di motorino che alcuni maschi hanno nel proprio Dna e altri no». La notizia è stata divulgata dall’autorevole rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences (c’è sempre un’autorevole rivista, dietro ogni minchiata) che ha illustrato uno studio dell’Istituto Karolinska di Stoccolma. Il gene delle corna, spiegano gli scienziati svedesi, agisce sulla vasopressina, un ormone di cruciale importanza nel processo di attaccamento sentimentale e sessuale tra un uomo e una donna. Chi ha questo gene ha più probabilità di farsi un’amante. Spariscono le nostre colpe e si tranquillizzeranno anche le mogli: se ci vedranno distratti e orizzontalmente inoperosi, potremo rispondere non preoccuparti cara, è solo un po’ di vasopressina.
Non è la prima volta che la scienza ci spiega che l’amore è solo una faccenda chimica. Qualche tempo fa Time ha svelato perché ci innamoriamo di questa e non di quella: la risposta è Mhc, complesso maggiore di istocompatibilità. Uno pensa stasera sono riuscito a farla ridere, ecco perché c’è stata: invece no, lei era solo istocompatibile. Non c’è spazio per il romanticismo, per le affinità elettive, per la poesia: l’amore dipende da oppiacei naturali, l’attrazione fisica non dall’estetica ma dall’orologio biologico, il batticuore dall’olfatto, l’efficacia di un bacio dal ph della saliva, l’eccitazione dall’acidità delle urine. Insomma uno schifo, non si capisce perché uno dovrebbe restarci male quando finisce un amore.
La genetica però non spiega – e smitizza – soltanto i sentimenti e il sesso: spiega tutto. Non c’è giorno che i giornali non rilancino qualche fondamentale scoperta. Faccio un breve elenco delle ultime puntate: «Scoperto il gene del maratoneta»; «Scoperto il gene della magrezza»; «Scoperto il gene dell’obesità»; «Scoperto il gene che dimostra il nesso tra intelligenza e longevità»; «Scoperto il gene del prurito»; «Scoperto il gene dell’umorismo, gli inglesi ne sono particolarmente provvisti». Addirittura, leggo che uno psichiatra del Michigan ha scoperto il gene della prima sigaretta: sì, proprio quello che induce a fumare la «prima» sigaretta.
La riduzione di tutto a un affare di geni sembra svuotarci la vita di ogni passione: perché applaudire il tal comico se le sue battute zampillano direttamente dal Dna? Non ne ha alcun merito. E perché affannarmi a migliorare, se il mio destino è scritto?
Temo che non tanto fra gli studiosi, quando fra i divulgatori di queste ricerche ci sia una motivazione di fondo per nulla innocente. Si vuole fare passare l’idea che non siamo responsabili di nulla, e quindi non siamo neppure giudicabili né tantomeno punibili. L’Università del Western Ontario ha individuato il gene dell’egoismo. Quella di Harvard il gene che non ci fa trarre insegnamento dagli errori commessi. Mentre Nature, altra rivista-totem in questi campi, ha pubblicato uno studio dal quale risulterebbe che il nostro cervello diventa amorale per una pura combinazione di cause organiche. In pratica, chi ha una particolare situazione nell’area ventro-mediana della corteccia prefrontale prende senza turbamenti decisioni ritenute inaccettabili dalla morale comune: anche dirottare un aereo o mettere una bomba su un treno. La storia del terrorismo andrebbe riscritta.

Anche la politica sarebbe da leggere in tutt’altra prospettiva, secondo la nuova religione del Dna. «Politica, energia nucleare, diritti delle minoranze: le posizioni di ciascuno di noi sono scritte nel nostro Dna e ben radicate nel profondo del nostro cervello. E resistono a qualsiasi argomento della ragione», assicura il ricercatore John Alford della Rice University di Houston: «Provare a persuadere qualcuno a cambiare orientamento, pur facendo appello ad argomenti razionali: è un po’ come convincere chi ha gli occhi marroni ad averli azzurri». Siamo pezzi di materia senza alcuna libertà, insomma.
Eppure c’è qualcosa che non convince. Ad esempio. Gli studiosi dell’Université de Picardie Jules Vernes di Amiens hanno scagionato i guardoni: tutto dipende, dicono, dai neuroni a specchio. Applicando, cito testualmente, un «pletismografo penile che misurava la tumescenza del pene» di persone che stavano assistendo a un film porno, gli scienziati hanno scoperto che «l’aumentare del volume dell’organo maschile è correlato all’attivazione di un’area, la pars opercularis, in cui si manifesta proprio l’attività dei neuroni specchio». Tutto bene. Ma resta una domanda: qual è il neurone che, prima che mi applicassero il pletismografo, mi ha fatto entrare in un cinema porno?
Sicuramente la scienza un giorno ci darà una risposta anche a questo enigma. E magari pure un’altra risposta, decisiva: ci dirà se c’è anche un gene che fa dire a uno scienziato che tutto dipende dai geni. Così, tanto per sapere se anche loro non sono responsabili.

di Michele Brambilla – Il Giornale

Publié dans Articoli di Giornali e News, Michele Brambilla | Pas de Commentaire »

I frati malmenati e l’Unità

Posté par atempodiblog le 4 septembre 2008

Tratto da: antoniosocci.it

 I frati malmenati e l'Unità  dans Antonio Socci antoniosocci

Gentile Concita De Gregorio,

seguo con curiosità e interesse il nuovo corso dell’Unità, da lei diretta.
Per questo le vorrei segnalare un infortunio strano accaduto ieri.
Dunque ieri tutti i quotidiani in prima pagina davano la notizia della feroce aggressione a quattro frati, perpetrata da una banda criminale entrata dentro al convento di san Colombano Belmonte, in provincia di Torino. Gli anziani religiosi sono stati picchiati ferocemente e rapinati: uno è ridotto in fin di vita. E’ stata una violenza selvaggia.
Tutti i quotidiani, dicevo, richiamavano questa notizia in prima pagina: tutti eccetto l’Unità.
Certo, la fondamentale rubrica di Maria Novella Oppo che deve strillare ogni giorno contro Gasparri è molto più importante, ci sarà la fila all’edicola per leggerla, ma almeno un minuscolo richiamo a quei poveri, vecchi frati non si poteva fare?
Naturalmente se si fosse trattato solo di questo non l’avrei importunata con questa lettera. Ognuno propone la gerarchia delle notizie che ritiene giusta.
Così sono andato a cercare almeno l’informazione sul fattaccio nelle pagine interne, dove si trova anche un fondamentale articolo su Scalfaro.
Ma sfoglia e risfoglia non sono riuscito a trovare niente. Spero ancora che sia una mia svista, che un remoto trafiletto in fondo a qualche pagina riporti almeno la notizia e che io non me ne sia accorto (in questo caso chiederei subito scusa). Ma ad una nuova attenta rilettura ancora non vedo traccia della cosa.
Mi spiace per i suoi lettori, abituati a leggere editoriali che deprecano “la scomparsa dei fatti” e a indignarsene.
L’Unità del resto si proclama sempre così attenta ai deboli, ai poveri e agli indifesi: le assicuro che dei vecchi frati francescani come quelli massacrati di botte sono sicuramente fra i più deboli, poveri e indifesi (lo testimonia il fatto che i criminali sono riusciti a rubare loro solo qualche spicciolo).

Martedì scorso sempre la sua Unità lanciava in prima pagina, con tanto di foto, la notizia dell’ambulante bengalese di Termoli a cui i vigili urbani volevano sequestrare la merce.
Il titolo era un tantino pompato: “Razzismo a Termoli. L’Italia degli sceriffi: ambulante trascinato via, i cittadini protestano”.
Francamente non si capisce cosa c’entrava la pesante parola “razzismo”.
Peraltro era proprio il giorno in cui in India era stato assaltato un orfanotrofio cattolico ed erano stati bruciati vivi due missionari (i primi di un massacro che non si è fermato).
Ma a questo orrore l’Unità, in prima, dedicava solo un richiamino, senza foto, né titoli drammatici.
Faceva un certo effetto, su quella prima pagina, confrontare lo spazio e il tono della notizia sull’ambulante e i vigili di Termoli, con la notizia dei cristiani macellati in India.
Naturalmente so bene che fare quotidianamente un giornale non è semplice, che a volte si fanno scelte frettolose o anche errori.
E’ umano e tutti ne facciamo, io più di chiunque.
Non intendo proprio impancarmi a maestrino, non ne ho i titoli, né la volontà.
Ma – stimandola come una seria professionista – vorrei segnalare alla sua riflessione il modo in cui la Sinistra italiana e il suo giornale affrontano in genere i temi che riguardano i cristiani e la Chiesa.
A me sembra di vedere una certa ostilità. Immotivata e pregiudiziale. Sbaglierò, ma temo di cogliere nel segno.
E non solo la Sinistra, ma anche tutta l’opinione pubblica radicaleggiante.
Del resto siamo in una società dove, in Occidente, contro la Chiesa si può dire di tutto.
Mentre in tanti Paesi del mondo, dall’India, alla Cina, ai paesi musulmani, contro i cristiani si può fare di tutto.
Anche per questo notizie come quelle provenienti dall’India o dal convento di Torino, sono importanti.

Non penso affatto, ovviamente, che la mancata notizia del raid squadristico di Torino sia dovuta a un pregiudizio ideologico.
Ci mancherebbe. Sono certo che si sia trattato solo di una normale svista. Ma temo pure che se tale aggressione fosse stata a danno di altri, quella svista probabilmente non ci sarebbe stata.
Allora mi piacerebbe che l’episodio fosse l’occasione buona per riflettere (tutti noi) sulla condizioni dei cristiani.
In Occidente e nel resto del mondo. Che spesso sono davvero i più poveri dei poveri.

Le auguro sinceramente buon lavoro,
Antonio Socci

Fonte: © Libero – 29 agosto 2008

Publié dans Antonio Socci, Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Gli alunni italiani finiscono nel ghetto

Posté par atempodiblog le 31 août 2008

Gli alunni italiani finiscono nel ghetto
di Enza Cusmai – Il Giornale

Gli alunni italiani finiscono nel ghetto dans Articoli di Giornali e News schooldiddlni8

All’asilo i bambini sono accomodanti, si fanno capire con i gesti, i disegni, il gioco. Ma a tutto c’è un limite. Serve anche dialogare con la parola. Italiana. E per raggiungere questo «arduo obiettivo» il direttore di una scuola materna in Emilia Romagna si è inventato una sorta di Minitalia. Per qualcuno un nuovo «ghetto». In pratica, per due ore al giorno, i bambini italiani – sette quest’anno su trentotto iscritti – si possono ritrovare, giocare e dialogare tra di loro. Avete capito bene. In un asilo italiano, i bambini italiani, in nettissima minoranza, sono costretti a ritagliarsi uno spazio per parlare e giocare utilizzando i vocaboli della nostra lingua.

Un impegno che la direzione dell’asilo di Villa Rotta, Luzzara, provincia di Reggio Emilia, si è preso con i genitori, preoccupati per la massiccia presenza di stranieri nelle classi della materna. La scelta sembra una soluzione eccezionale, invece, le maestre dell’asilo spiegano che quest’anno «il ghetto» è stato costituito per favorire l’afflusso di connazionali. Che fino ad ora scappavano a gambe levate da una scuola troppo connotata. «L’anno scorso c’erano solo due bambini italiani nella scuola – spiega Teresa, una delle tre maestre in trincea nella materna degli stranieri –. Solo due, vaganti in mezzo a una trentina tra pakistani, albanesi, tunisini, turchi, indiani, marocchini. Sei etnie, un microcosmo dei nostri tempi. Sei etnie a cui si aggiunge quella italica, pochissime mosche bianche. La mamma di Federico, quando ha saputo che suo figlio sarebbe stato solo insieme a un altro italiano era terrorizzata – aggiunge la maestra Teresa -. Aveva paura che il bambino disimparasse addirittura a parlare la nostra lingua». Ma Federico è un bambino sveglio e ce l’ha fatta a sopravvivere nella giungla delle sei lingue diverse. Magari diventerà poliglotta.

Le maestre si arrangiano come possono. «Sono importanti i gesti e i concetti spiegati attraverso i disegni». Sembra facile. In realtà è un impegno titanico. «Dobbiamo ripetere, ripetere e ripetere all’infinito le parole, solo così ci facciamo capire dai bambini stranieri» racconta Teresa. Che poi confessa: «Quando sono arrivata in questo asilo non mi aspettavo una situazione così estrema e per molto tempo avevo paura di non farcela». Ora invece Teresa scherza sui suoi timori. Si è specializzata nel linguaggio dei segni e non nasconde la sua soddisfazione per la grande novità dell’anno. «A settembre avremo ben sette bambini italiani su 38 iscritti». Un record. E un successo. Tanto che il dirigente ha garantito alle mamme romagnole un minimo di programma didattico tradizionale: i bambini italiani per due ore al giorno potranno confrontarsi e parlare tra di loro. In italiano.

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Girard: ma Dio non è violento

Posté par atempodiblog le 31 août 2008

«Il cristianesimo è l’unico vero antidoto alla crescita del fanatismo, anche religioso»: parla il grande filosofo francese

Girard: ma Dio non è violento
Girard: ma Dio non è violento dans Articoli di Giornali e News image3ds3

Il grande filosofo e antropologo francese René Girard, noto per la sua teoria del «capro espiatorio».

Dice l’antropologo: «I capri espiatori sono finiti: o scegliamo la non violenza oppure la guerra nucleare, il terrorismo, i disastri ambientali generati dall’uomo finiranno per distruggerci»

Tratto da: avvenire.it

Publié dans Articoli di Giornali e News, René Girard, Riflessioni | Pas de Commentaire »

Concorso di bellezza per suore…

Posté par atempodiblog le 26 août 2008

Dal blog di Andrea Tornielli:

 Concorso di bellezza per suore… dans Andrea Tornielli 5472db4985428eedae8fddfeb8

Vi confesso che la notizia mi ha colpito. Mi chiedo a che punto possa arrivare, seppure in buona fede, la voglia di visibilità, il desiderio di apparire “moderni”, l’intenzione di far conoscere con questi mezzi la buona notizia cristiana. Leggo stamattina sul Corriere che un prete teologo, giornalista e professore di filosofia nelle scuole, padre Antonio Rungi, passionista di Mondragone (provincia di Caserta), ha organizzato il concorso “Sister Italia” e intende raccogliere tramite il suo sito web (sul quale però ancora non trovato traccia dell’iniziativa) le foto delle religiose più belle.  “Ma pensate davvero – ha dichiarato il religioso - che le suore siano tutte anziane, rattrappite e funeree? Oggi non è più così, grazie anche all’iniezione di gioventù e di vitalità portata nel nostro Paese dalle ragazze straniere: ci sono suore dall’Africa e dall’America Latina che sono davvero molto, molto carine. Le brasiliane soprattutto…”. E ha aggiunto: “Mi aspetto che siano almeno un migliaio le sorelle ad inviare le foto, e mi piacerebbe che la prossima edizione non fosse solo virtuale, magari potrebbe essere ospitata proprio durante Miss Italia. Con una passerella per le suore, certamente”. Non sono mai stato un fan di Miss Italia, specie da quando, nel nome del politicamente corretto, la trasmissione si è trasformata in un’interminabile sequenza di interviste con le aspiranti miss che ripetono di volere la pace nel mondo e di credere nei valori della famiglia. In ogni caso, la Tv e il costume hanno i loro riti e le loro liturgie, e Miss Italia è tra queste. Mi chiedo (e vi chiedo): c’era davvero bisogno di “importare” anche questa novità delle suore in passerella (per quanto solo virtuale) al fine di “aprirsi al mondo”?

Publié dans Andrea Tornielli, Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Valori e tendenze

Posté par atempodiblog le 22 août 2008

Casa di proprietà?
Il ceto medio frena

Sempre più spaventati da tasse e burocrazia

di Diego Motta - Avvenire

Valori e tendenze dans Articoli di Giornali e News diddl2kl9


I
valori di fondo restano gli stessi, ma cambiano abitudini e costumi . È il ritratto di un’Italia a due facce quel­lo che emerge dalla ricerca Gpf/ Ca­stelvecchi che verrà presentata lunedì prossimo all’appuntamento an­nuale di «Vedrò», in Trentino. Un Paese in cui la privacy non è più un’osses­sione, tanto meno un tabù, visto che all’età della riserva­tezza si va sosti­tuendo l’età del­l’accesso. Un Paese in cui anche il mito della proprietà, dalla casa all’auto, su­bisce i colpi di un lento ma progressi­vo sgretolamento, mentre vanno fa­cendosi strada atteggiamenti nuovi co­me la condivisione delle conoscenze (soprattutto su Internet) e la scelta di una maggior sobrietà nell’uso delle ri­sorse finanziarie. Resiste invece l’an­coraggio a valori come la responsabi­lità e l’impegno, verso gli altri e verso l’ambiente che ci circonda. A rispon­dere ai quesiti sottoposti sono state 501 persone intervistate, in una fascia del­la popolazione italiana compresa tra i 15 e i 54 anni, suddivisa per età, sesso e area geografica. Un panel che utiliz­za Internet ma non solo (l’indagine è stata realizzata via web dal 14 al 17 lu­glio scorso e dopo una fase esplorati­vo- qualitativa in cui sono stati svolti 20 colloqui personali) e che senza dubbio fotografa bene il ceto medio i­taliano di oggi e di domani: i cosiddetti trend setters, che fanno opinione e ten­denza pur rappresentando tutto l’arco della popolazione italiana.
L’affitto «paga» di più.
«Il reddito è senza dubbio un elemento-chiave nel­l’indirizzare certe dinamiche – spiega Alberto Castelvecchi, uno degli autori della ricerca –. Il ceto medio, in parti­colare tra i 30 e i 45 anni, o può conta­re su genitori che hanno messo da par­te le somme necessarie per acquistare un’abitazione e fa un investimento sulla casa di proprietà, oppure orien­ta i soldi a disposizione su costi mino­ri come l’affitto, magari da dividere con altri». Secondo il 63% degli intervista­ti condividere con altri beni quali la ca­sa e l’auto è «un’opportunità di raffor­zare i legami socia­li» , mentre il 37% pensa sia un segno di impoverimento. Quanto all’utilizzo esclusivo di beni da parte di una sola persona, per il 47% «è un vero spreco». Non è una contrad­dizione per un Pae­se in cui l’80% del­le famiglie possiede un’abitazione di proprietà e in cui, stando agli ultimi dati, la domanda di mutui è in crescita? «Avere un tetto e una casa proprie è un’esigenza che re­siste – risponde Castelvecchi – ma non si investe più sul mattone in senso stretto. Perché l’idea di vincolarsi a qualcosa che si porti dietro tasse, bu­rocrazia e costi va­ri spaventa sempre di più».
Qui in realtà l’opi­nione del pubblico degli intervistati è più sfumata: il 49% ritiene molto o ab­bastanza condivisi­bile l’affermazione secondo cui «la proprietà di casa, auto e moto sia un
peso per i doveri che implica». Il 54% è «abbastanza d’accordo» (e il 25 «mol­to d’accordo») con l’affermazione se­guente: «vivere per avere beni e ric­chezze non mi interessa, preferisco u­na vita ricca di esperienze».
È la metafora del telefonino: al valore dell’oggetto in sé e dello
status symbol che pure rappresenta, spiega Castel­vecchi, si sovrappone e spesso finisce per essere dominante « il valore im­materiale di ciò che contiene: l’agen­da dei numeri dei collaboratori, le co­noscenze immagazzinate e i contatti che ci siamo procurati».

Condivido ergo sum.
Nel mondo del­la conoscenza prevale l’esigenza del sapere, attraverso tutto e tutti, anche a costo di giocarsi i propri dati perso­nali. La tutela della privacy è conside­rata «una grande conquista per tutti» solo dal 43% degli intervistati, mentre il 57% pensa che in realtà oggi in que­sto modo «si proteggano soprattutto i furbi e i prepotenti». E l’allarme per le intercettazioni e la diffusione di dati personali? « Chi non ha nulla da na­scondere non deve temere nulla» ri­sponde il 63%, mentre solo il 37% au­spica «più controlli per ridurre la cir­colazione delle informazioni» . Sia chiaro: la legge 675 che ha istituito la firma per autorizzare il trattamento delle informazioni personali è una conquista per il 78% del campione, ma forse non è più il riconoscimento giu­ridico a preoccupare in questo mo­mento storico. Piuttosto, a infastidire è la mancanza di sensibilità da parte della comunità in cui viviamo: così il 56% degli inter­vistati vorrebbe che la distanza di sicu­rezza in banca o in posta sia maggior­mente rispettata («è una forma di edu­cazione» ) e quasi l’80% non sopporta di dover ascoltare le conversazioni che altri fanno in pub­blico.
«C’è un bisogno di privacy diversa, perché si cerca di più la relazione e si preferisce lo scambio di cultura e informazione rispetto al­l’isolamento» spiega Castelvecchi. Si torna per questa via al valore della con­divisione, anche negli spazi fisici: il 50% vorrebbe «un uso comune con al­tre famiglie di alcuni spazi nell’edificio in cui vivo», mentre il 51% desidera un mondo dove i beni personali siano condivisi perché così si «incoraggia il senso di responsabilità e il rispetto per gli altri».

Publié dans Articoli di Giornali e News, Stile di vita | Pas de Commentaire »

Bonus « secchioni »

Posté par atempodiblog le 19 août 2008

Scuola, arriva il bonus « secchioni »
Soldi ai più bravi, l’esempio di 2 licei
Fonte: tgcom.mediaset.it

Bonus
Due licei aprono le casse agli studenti più bravi. Apripista in questa iniziativa è stato il liceo classico Ennio Quirino Visconti, a Roma: un bonus da 90 euro da spendere in libreria verrà consegnato ai 50 più meritevoli che abbiano riportato almeno la media dell’otto. Al liceo scientifico Einstein di Milano premiano i « secchioni » con 200 euro spendibili per libri, dvd, biglietti per il teatro o il cinema, corsi di musica e attività sportive.

L’iniziativa dei due istituti è la prima nella storia della scuola italiana ed è stata ripresa sulle pagine del quotidiano La Stampa. Ma perché solo a 50 studenti e solo 90 euro? I presidi hanno attinto alle proprie risorse, che sono finanziate con estrema parsimonia dal ministero: circa 2 miliardi di euro per 10.600 scuole distribuite in 46mila sedi.

« Per la prima volta – spiega al giornale Rosario Salamone, preside del Visconti – grazie ai fondi resi disponibili dall’autonomia scolastica, con una delibera del consiglio di istituto, abbiamo deciso di premiare il merito, la dedizione, l’assoluta umiltà con la quale i ragazzi si sono dedicati allo studio nel corso dell’anno appena trascorso. Occorre sostenere questi ragazzi nel loro sforzo di andare controcorrente e dare loro un segnale forte del sostegno degli adulti e della scuola. Non bisogna infatti dimenticare che questi ragazzi saranno la futura classe dirigente del Paese ».

Al liceo Einstein di Milano il preside Maria Sebastiana Spoliti ha deliberato uno stanziamento extra per premiare con 200 euro i più meritevoli. Premiando gli allievi migliori, peraltro, i due licei ricalcano la linea meritocratica introdotta nella scuola italiana dal ministro del governo prodi, Beppe Fioroni, e confermata dall’attuale titolare dell’Istruzione, Mariastella Gelmini.

L’iniziativa divide però l’opinione pubblica. Se per il preside del Visconti è giusto valorizzare chi si sacrifica sui libri e « dopo la maturità consiglio loro un bel viaggio culturale », una mamma milanese ha storto il naso. « Quei 200 euro preferisco darli io a mia figlia – ha detto il genitore -, la scuola pensi a spendere i soldi per migliorare l’insegnamento visto che l’anno scorso all’Einstein era un andare e venire di supplenti ».

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Il gusto per le ‘cattive’ notizie

Posté par atempodiblog le 9 août 2008

Fa più rumore l’albero che cade che la foresta che cresce

Il gusto per le ‘cattive’ notizie dans Articoli di Giornali e News tvmondowt4

I mass media preferiscono sempre mostrare l’albero che cade piuttosto che la foresta che cresce… Alla lunga questo ha finito col produrre l’impressione che tutto stia andando peggio e che l’impegno personale e collettivo, anche se giusto, non dia frutti e sia “ormai” divenuto inutile.

Tratto da: BuoneNotizie.it

Publié dans Articoli di Giornali e News, Riflessioni | Pas de Commentaire »

Pechino, missili contro le nuvole

Posté par atempodiblog le 7 août 2008

 Pechino, missili contro le nuvole dans Articoli di Giornali e News 227812smfs7

Contro le nuvole che minacciano di scaricare una pioggia intensa proprio durante la cerimonia inaugurale dei Giochi i cinesi sanno come regolarsi per evitare un tale sgarbo del cielo. Domani, venerdì, giorno della grande apertura olimpica a Pechino, bombarderanno le nuvole.

L’apposito ufficio cinese “per le modificazioni del tempo”, unico nel mondo, ha predisposto un lancio di missili e granate contro le nuvole guastafeste. In netto anticipo sulla cerimonia inaugurale, gli ordigni contenenti ioduro di argento centreranno le nuvole liberandone anzitempo l’acqua maleducata.

di Mimmo Carratelli per napoli.com

Publié dans Articoli di Giornali e News | Pas de Commentaire »

Striscioni anti-Napoli tifoso risarcito dall’Inter

Posté par atempodiblog le 6 août 2008

 Striscioni anti-Napoli tifoso risarcito dall’Inter dans Articoli di Giornali e News naplesrg6

L’Inter è stata condannata a pagare 1.500 euro a un tifoso del Napoli come risarcimento del «danno esistenziale» subito per gli striscioni esposti a San Siro contro i napoletani durante il match del 6 ottobre dello scorso anno. Lo ha stabilito una sentenza del giudice di pace della prima sezione di Napoli, Antonio Marzano. Il tifoso azzurro – G.D.B., difeso dall’avvocato Raffaele Di Monda – si era rivolto al giudice raccontando di aver lasciato lo stadio di San Siro «indignato e profondamente colpito da striscioni denigratori, esposti nel secondo anello della curva nord, occupata dagli ultrà interisti, nei confronti dei napoletani». Sugli alcuni di questi striscioni, si legge nell’esposto presentato al giudice di pace, gli ultrà nerazzurri avevano tra l’altro scritto «Napoli fogna d’Italia», «Ciao colerosi», «Partenopei tubercolosi», «Infami». Senza dire poi dei numerosi e continui cori razzisti e offensivi urlati all’indirizzo dei napoletani. Il giudice di pace, ha commentato l’avvocato Di Monda, ha riconosciuto nella fattispecie un «danno esistenziale», condannando quindi la società nerazzurra per «responsabilità oggettiva». L’azione legale è stata vinta in primo grado nonostante l’opposizione degli avvocati dell’Inter, i quali ne chiedevano la cancellazione per incompetenza territoriale.

Fonte: Il Mattino

Publié dans Articoli di Giornali e News, Sport | Pas de Commentaire »

1...7778798081...83
 

Neturei Karta - נ... |
eternelle jardin |
SOS: Ecoute, partage.... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | Cehl Meeah
| le monde selon Darwicha
| La sainte Vierge Marie Livr...