• Accueil
  • > Archives pour le Mercredi 15 mai 2019

Le lingue di freddo che portano aria artica: «Così cambia il clima»

Posté par atempodiblog le 15 mai 2019

Sannino (Enea): «Intanto in Siberia hanno 30 gradi» 
Le lingue di freddo che portano aria artica: «Così cambia il clima»
La peculiarità di maggio è che si trova a metà della primavera. «Per sua natura — spiega il climatologo — può presentare temperature ora più vicine a quelle invernali ora a quelle estive. Non c’è nulla di strano. La vera anomalia in questo momento è a Est, in Siberia con 30 gradi. Lì senza ombra di dubbio le medie sono superiori anche di 20 gradi a quelle solite». Ma anche in Italia non si sta scherzando. Le temperatura hanno subito forti oscillazioni in pochi giorni. E gli esperti parlano di «lingue di freddo», di fenomeni nuovi e inconsueti.
di Agostino Gramigna – Corriere della Sera
Tratto da: Radio Maria

Le lingue di freddo che portano aria artica: «Così cambia il clima» dans Articoli di Giornali e News Meteo

Neve anche a basse quote, piogge e temporali, venti violentissimi, aria fredda, sbalzo di temperature anche di decine di gradi. Un maggio freddo e bizzarro come non mai in Italia. Che succede? «Intanto è bene non confondere clima e meteo». Gianmaria Sannino, climatologo dell’Enea, inizia così a spiegare le apparenti stranezze del clima di questo periodo: «Se mi baso solo sul meteo, cioé apro la finestra e traggo conclusioni sulla base di quello che vedo e percepisco, allora il tempo di queste prime due settimane mi sembrerà molto ma molto bizzarro. In realtà per comprendere se siamo di fronte a vere anomali climatiche occorre aspettare. C’è bisogno di dati e di un periodo molto più lungo».

Sannino studia i cambiamenti climatici. Ama parlare con dati e solo su basi scientifiche. Ma anche lui è rimasto sorpreso dal maltempo e dalle ondate di freddo di questa fase della primavera. Come si fa a non pensare che qualcosa di anomalo è ormai in atto? «Anche io — ammette — sono rimasto spiazzato. Tanto che mi sono messo a spulciare i dati. Ma per capire le dinamiche reali del clima occorre aspettare fine mese. Solo allora si potranno avere le medie e fare confronti con quelle degli ultimi 30-40 anni».

La «trottola» artica
La peculiarità di maggio è che si trova a metà della primavera. «Per sua natura — spiega il climatologo — può presentare temperature ora più vicine a quelle invernali ora a quelle estive. Non c’è nulla di strano. La vera anomalia in questo momento è a Est, in Siberia con 30 gradi. Lì senza ombra di dubbio le medie sono superiori anche di 20 gradi a quelle solite». Ma anche in Italia non si sta scherzando. Le temperatura hanno subito forti oscillazioni in pochi giorni. E gli esperti parlano di «lingue di freddo», di fenomeni nuovi e inconsueti.

«Esatto. Ma questo rientra nella narrazione che stavo facendo. Bisogna capire qual è l’impatto dei cambiamenti climatici globali. Le lingue di freddo hanno a che fare con l’aria fredda artica. Che viene spinta in direzione delle regioni meridionali». E cosa crea questa spinta verso il meridione? «L’aria freddissima artica ha una velocità. Se rallenta il suo movimento crea della anse in cui l’aria precipita. Immaginiamo una trottola. Se gira a velocità costante sta in una certa posizione; se rallenta il suo movimento, sbanda e si sposta. Ecco, questo avviene con l’aria artica. Si formano delle vere e proprie anse che hanno come dei cedimenti e prendono delle direzioni. La lentezza del movimento porta poi quest’aria fredda a stagnare per diversi giorni. Quando va via ritornano le temperature primaverili del periodo. E s’impennano con effetti dirompenti. Questo sicuramente è un effetto dei cambiamenti climatici. Abbiamo avuto un fenomeno del genere negli Usa a gennaio. Un freddo estremo»

Scienza e percezione
La spiegazione del climatologo si arricchisce di un altro dato: la percezione del clima influenzata dalla memoria. «Le persone comuni non sono dei computer, non fanno comparazioni di dati. Al massimo possono fare un confronto con il maggio precedente. In questo caso non c’è dubbio che ricorderanno un periodo molto più caldo di quello attuale». Ma la scienza ragiona sui dati: «Tre anni fa — conclude Sannino — ero in Sicilia il 15 di agosto. C’erano 15 gradi e per un paio di giorni è caduta pioggia tutto il giorno. Ma subito dopo è ritornata l’estate. Un fenomeno normalissimo. Tuttavia se il freddo dovesse permanere anche nelle prossime due settimane, bé forse allora si potrebbe parlare di anomalia».

Publié dans Articoli di Giornali e News, Riflessioni | Pas de Commentaire »

 

Neturei Karta - נ... |
eternelle jardin |
SOS: Ecoute, partage.... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Cehl Meeah
| le monde selon Darwicha
| La sainte Vierge Marie Livr...