Di Bartolomei jr e il post con la pistola: «No all’uso le armi, credetemi»

Posté par atempodiblog le 29 juin 2018

Di Bartolomei jr e il post con la pistola: «No all’uso le armi, credetemi»
Il figlio di Agostino, capitano storico della Roma che si è tolto la vita sparandosi nel 1994, su Facebook si schiera contro i 4 italiani su 10 favorevoli alla detenzione di una pistola in casa (sondaggio Censis): «Non produce alcuna sicurezza»
di Riccardo Bruno – Corriere della Sera

Di Bartolomei jr e il post con la pistola: «No all'uso le armi, credetemi» dans Articoli di Giornali e News Italiani_ed_armi

L’immagine di una pistola postata sui social. E una riflessione che iniziai così: «Questa è una Smith&Wesson 38 special uguale a quella che aveva Agostino. Quando la comprò negli anni 70 lo fece perché credeva che avrebbe così reso più sicura la sua famiglia». Agostino Di Bartolomei, il capitano della Roma colto e introverso, indimenticabile combinazione in campo di intelligenza e forza, la mattina del 30 maggio 1994, a 39 anni, decise di farla finita sparandosi un colpo al petto. Il messaggio sui social, 25 anni dopo, è del figlio Luca. «Ho letto che il 41% degli italiani si sentirebbe più sicuro da una semplificazione della legislazione sul porto d’armi — spiega al Corriere —.

Tutti gli studi dimostrano che una maggiore circolazione delle armi conduce a un numero più elevato di morti, di omicidi, suicidi, incidenti, bambini che meravigliosamente curiosi si fanno del male o lo fanno agli altri».

Statistiche ed emotività
Luca aveva 11 anni quando la tragedia sconvolse la sua famiglia. «Da quella vicenda non dico che possiamo trarre un insegnamento, ma almeno un ammonimento, ricavarne qualcosa di buono».

Da questo nasce una sorta di appello. «Vorrei invitare tutte quelle persone che hanno avuto la devastazione di un lutto per colpa di un’arma da fuoco a parlare con quel 41% di italiani, fargli capire che non si ottiene così più sicurezza, una pistola in casa è sempre un pericolo».

Per Luca Di Bartolomei questa non è solo una battaglia personale per fare i conti con il proprio dolore, è anche un impegno professionale. È stato coordinatore del dipartimento sicurezza e difesa del Pd, adesso è consulente aziendale. Abituato a confrontarsi con dati e numeri.

«Tutte le statistiche del Viminale indicano che gli eventi criminali sono in costante decrescita. Al contrario aumenta la percezione dell’insicurezza e dell’illegalità. Non è solo un fenomeno italiano, è un’ondata sovranazionale che spinge alla chiusura, all’isolamento e quindi all’armamento. Abbiamo il dovere di comprendere i fenomeni sociali, senza abbandonarci all’emotività».

Diffusione e utilizzo
Agostino Di Bartolomei possedeva diverse armi, compresa quella Smith&Wesson. Prima di morire lasciò un biglietto alla moglie: «Mi sento chiuso in un buco… Non vedo l’uscita dal tunnel». Nessuno può dire come sarebbe andata se non avesse trovato quegli oggetti di morte in casa.

Ieri il figlio Luca ha scritto che «alla obiezione che chi vuole suicidarsi lo fa comunque vorrei solo dire che, per andare oltre il burrone che pensiamo di avere davanti, basta un attimo. E in quell’attimo non avere accesso ad un’arma può fare la differenza».

Facendosi forte di cifre e analisi, ricorda che «la diffusione porta inevitabilmente all’utilizzo». E aggiunge che per garantirne la padronanza, «l’uso deve essere costante e continuato. Ovvero una pratica riservata a quei soggetti che si occupano abitualmente di ordine pubblico. Le forze di polizia, non i privati cittadini».

Luca Di Bartolomei chiude il suo messaggio sui social con una richiesta, sincera e accorata. «Pensate ai vostri figli e ai vostri nipoti. Una pistola non produce alcuna sicurezza. Credetemi».

Laisser un commentaire

 

Neturei Karta - נ... |
eternelle jardin |
SOS: Ecoute, partage.... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Cehl Meeah
| le monde selon Darwicha
| La sainte Vierge Marie Livr...